Cicatrici - Rimozione delle cicatrici

COS'E' UNA CICATRICE?

Cicatrice è il nome comunemente usato per indicare il tessuto che si forma in corrispondenza di un taglio, di una ferita o di un'ustione in seguito all'incisione del derma o ad un trauma. Le cicatrici possono formarsi anche come esito da acne o da vaccini (es. vaiolo) o in seguito a malattie che si manifestano con pustole e sfoghi cutanei (es. varicella, herpes, ecc.).

Le cicatrici patologiche si distinguono in due tipi principali: il cheloide e la cicatrice ipertrofica.

Il cheloide si forma sulle pelle a seguito di abrasioni, ferite, ustioni o piercing. Si origina da una normale cicatrice e si estende in modo abnorme oltre i confini della cicatrice stessa, producendo prurito e dolore.

Il cheloide si sviluppa con più frequenza nelle popolazioni di colore e interessa prevalentemente alcune aree corporee come lo sterno, le spalle e i padiglioni auricolari.

La cicatrice ipertrofica è apparentemente simile al cheloide ma, a differenza di quest'ultimo, il tessuto cicatriziale in esubero non si estende oltre i confini della cicatrice. In alcuni casi, la cicatrice ipertrofica si arrossa e provoca dolore e prurito.

COME SI FA A CORREGGERE UNA CICATRICE?

Come afferma il Prof. Mario Dini, le cicatrici si possono correggere e migliorare, ma non possono essere eliminare del tutto. La medicina estetica e la chirurgia plastica utilizzano dei trattamenti (dermoabrasione, peelings, trattamenti laser, ecc.) e delle particolari tecniche chirurgiche (incisione a "zeta", escissione, ecc.) che consentono di migliorare l'aspetto delle cicatrici in modo da renderle quasi invisibili. Le metodiche utilizzate per correggere le cicatrici variano a seconda del tipo di cicatrice (cheloide, cicatrice ipertrofica, retraente, ecc.), della sua estensione e dell’area in cui si trova.

IN CHE COSA CONSISTE LA VISITA PRE-OPERATORIA?

Nel corso della prima visita, il Professore esamina la tipologia di cicatrice, la sua estensione e l’area corporea in cui è localizzata al fine di decidere il metodo più adatto a trattarla, prendendo in considerazione sia i trattamenti medici che un eventuale intervento chirurgico.

I trattamenti medici per migliorare l’aspetto delle cicatrici sono:

  • Massaggio ripetuto più volte al giorno e compressione continua (per le cicatrici di neo-formazione)
  • Occlusione con fogli di gel di silicone o pomata con gel di silicone
  • Iniezione di cortisonici
  • Dermoabrasione
  • Trattamenti laser
  • Trattamenti con basse dosi di radiazioni

Gli interventi chirurgici di revisione delle cicatrici sono: 

  • Escissione "intralesionale" (il chirurgo agisce sul tessuto cicatriziale senza asportarlo del tutto)
  • Escissione completa (ovvero asportazione della cicatrice)

In questi casi, il Prof. Dini esegue le operazioni in anestesia locale e in regime di day hospital.

QUALI SONO I RISULTATI?

I risultati che si possono ottenere con il trattamento medico o chirurgico delle cicatrici sono molto variabili, in quanto determinati dalla tipologia di cicatrice, dal trattamento attuato e dalle caratteristiche fisiche del paziente.

Videogallery del Prof. Mario Dini Chirurgo Plastico Firenze

Prenota un appuntamento
Scegli la tua città