Chirurgia Intima - Chirurgia plastica dei genitali

COS'E' LA CHIRURGIA INTIMA?

Nonostante la normale resistenza a parlare di questo argomento, sempre più donne ricorrono alla chirurgia plastica per correggere una malformazione congenita dei genitali o per migliorare l’aspetto esteriore o la funzionalità interna dell’apparato genitale compromesso da traumi, parti naturali e precedenti interventi chirurgici.

La chirurgia "intima" comprende tutti quegli interventi di chirurgia plastica che modificano la forma dei genitali femminili esterni ed interni consentendo alla donna, una volta raggiunto il risultato desiderato, di sentirsi in armonia con il proprio corpo e vivere serenamente la propria sessualità.

QUALI INTERVENTI POSSONO ESSERE PRATICATI?

Le operazioni di chirurgia plastica che possono essere praticati sui genitali femminili sono principalmente quattro: imenoplastica, ipertrofia delle piccole labbra, labioplastica e vaginoplastica.

  • Imenoplastica:

si tratta dell’intervento di riparazione dell’imene, oggi più conosciuto con il termine anglossassone di rivirgination. 

In alcune culture, specie quelle africane, arabe e asiatiche, la verginità è ancora un valore molto importante, soprattutto prima del matrimonio. In alcuni casi può succedere che la donna, pur non avendo ancora avuto il primo rapporto sessuale, vada incontro ad una rottura dell’imene (a causa, ad esempio, di un'attività sportiva intensa o dell’uso di tamponi vaginali) e che desideri ricostruirlo. Il Professor Dini può allora effettuare un intervento di imenoplastica semplice, che consente di rimodellare la membrana dell'imene che si è lacerata (l’operazione richiede un'anestesia locale, si esegue in regime di day hospital e dura circa 20 minuti) o con un intervento chirurgico di imenoplastica con alloinnesto, che consente di ricostruire l'imene con tessuto di laboratorio (l’operazione richiede un’anestesia locale, si esegue in regime di day hospital e dura circa 40 minuti). In entrambi i casi, la paziente potrà riprendere la sua normale attività lavorativa dopo 1-2 giorni, mentre dovrà attendere un mese per quella sessuale.

  • Ipertrofia delle piccole labbra:

si tratta di una malformazione congenita delle piccole labbra della vagina. L'ipertrofia è considerata patologica quando una paziente presenta delle piccole labbra la cui lunghezza dalla base d'impianto al margine libero è superiore a 2,5 cm. L’intervento chirurgico che il Professor Dini esegue per correggere questa malformazione è assolutamente rispettoso della normale anatomia di questa regione e non risulta invasivo: l'operazione dura circa un'ora e può essere effettuata in anestesia locale o regionale. La paziente potrà riprendere la propria attività lavorativa già dal giorno successivo, mentre per l’attività sessuale è consigliato di attendere circa un mese.

L’intervento è assolutamente indolore e non richiede neanche la rimozione dei punti di sutura che cascheranno da soli dopo circa due settimane.

  • Labioplastica:

alcune donne hanno un eccesso di adipe in corrispondenza del pube e delle grandi labbra; tale accumulo non può essere rimosso con diete, massaggi o altre tecniche di medicina estetica, ma solo attraverso la tecnica chirurgica della lipoaspirazione che consiste nell'aspirazione del grasso in eccesso. Il risultato che si ottiene è permanente e duraturo. L’intervento dura circa 30 minuti, richiede un’anestesia locale e viene praticato in regime di day-hospital. Alla paziente è richiesto poi di indossare un corpetto elastico-compressivo per circa 2 settimane.

  • Vaginoplastica:

detto anche intervento di ringiovanimento della vagina, la vaginoplastica è spesso richiesta da quelle donne che, a seguito di uno o più parti, presentano un'eccessiva lassità dei muscoli vaginali. La tecnica chirurgica della vaginoplastica permette al chirurgo di intervenire per ritonificare i muscoli vaginali e riportarli allo stadio precedente al parto. L'operazione si esegue in day hospital, in anestesia regionale o generale e dura circa un’ora. La paziente riprenderà a camminare in pochi giorni e potrà tornare ad una regolare attività sessuale nell'arco di 4-6 settimane.

Videogallery Mario Dini Chirurgo Plastico

Prenota un appuntamento
Scegli la tua città